2 500 000+ followers

2200/2700 Success

Just Specter
Membro da: nov 16, 2015
Invia una richiesta di amicizia
4 giochi nella wishlist
Counter-Strike: Global Offensive Prime Status Upgrade
-25%
9.99€
Counter-Strike: Global Offensive Prime Status Upgrade
Offrilo tu
Lords of the Fallen
-89%
3.33€
Lords of the Fallen
Offrilo tu
30 amici
Ramnes2500 pts
Ricky2400 pts
Nico92202200 pts
LeoN'♪1900 pts
Rocco :D1800 pts
Fulminman_1700 pts
Jokerdf001600 pts
Hiruken1400 pts
JoxyS1400 pts
Fulminman1300 pts
ItsMello4131300 pts
gamer-b5a3231100 pts
Pedro1100 pts
Sage1100 pts
SkAx1100 pts
gamer-0c8a4f1000 pts
gamer-47dcde900 pts
gamer-480caf900 pts
Omar900 pts
Tonio7900 pts
gamer-6ec21f800 pts
gamer-e1d8ae800 pts
gamer-83d61c700 pts
gamer-b0a8eb700 pts
gamer-f14519700 pts
gamer-1d7802600 pts
gamer-72b0f8600 pts
gamer-b2dd11600 pts
gamer-bceeb4600 pts
gamer-74d164500 pts
12 giochi posseduti
1 recensioni pubblicate
Mafia III
50
Di Mafia si è detto tantissimo in passato. Il primo capitolo, il capostipite, è rimasto impresso nelle teste e nei cuori di moltissimi giocatori per la sua fortissima carica narrativa, per una trama assolutamente non banale e con un epilogo davvero audace e per un gameplay che, nonostante una forte linearità di fondo e alcuni passaggi troppo ripetitivi, era ben amalgamato in tutte le sue componenti e piacevole per l'intera durata del prodotto. Completamente diversa l'accoglienza riservata invece al suo sequel: un Mafia II che si caricava di un taglio ancora più cinematografico, di una storia sicuramente più adulta per quanto spezzettata da una manciata di missioni banali e soprattutto di un gameplay che cominciava a virare verso l'open world nonostante alcune importanti limitazioni tecniche.
La mafia più nera
Il titolo spezzò letteralmente in due critica e pubblico tra chi riuscì ad apprezzarlo nonostante tutto anche e soprattutto grazie alla storia raccontata e chi invece non riuscì a digerire che un sequel potesse distanziarsi così tanto per meccaniche e stile di scrittura dal titolo originale. Entrambi i titoli furono però destinati a soffrire dello stesso male: vendite al di sotto delle aspettative a fronte di uno sviluppo lungo e travagliato. Anche di Mafia III è stato detto molto in passato. Un gioco più volte finito tra le voci di corridoio a causa di presunti leak e che per anni è stato, apparentemente, in sviluppo negli uffici del team originale: i ragazzi di Illusion Softworks poi confluiti in 2K Czech in seguito alla chiusura della software house. In realtà si è dovuto attendere fino alla GamesCom dello scorso anno per scoprire che un team nuovo di zecca, Hangar 13, era stato messo in piedi da 2K Games per prendere le redini di un progetto così complesso e ricco di aspettative. E così se da un lato si è cercato di seguire la tradizione della serie implementando il consueto cambio di protagonista, di città e di periodo temporale, dall'altro si è cercato anche di affrontare la strada tortuosa e pericolosa della totale modifica del gameplay che in occasione di questo terzo capitolo vira completamente verso l'open world free roaming. Perché lo diciamo subito: Mafia III è in tutto e per tutto un Grand Theft Auto (più IV che V) ambientato sul finire degli anni 60 in una città fittizia, New Bordeaux, fortemente ispirata alla famosa città della Louisiana, New Orleans. Ma attenzione a lasciarsi andare ai pregiudizi sulla base di questo possente e pesante confronto: il nuovo lavoro di Hangar 13 è un gioco piacevole e, in fondo, anche originale per alcune scelte di design e i suoi difetti, che affronteremo nel corso della recensione, non derivano (o almeno non solo) dalla sua sprezzante volontà di avvicinarsi al capolavoro di Rockstar.

Connettiti con il tuo account di IG

Instant Gaming manterrà privati i tuoi dati e non li venderà mai per fini commerciali